Informativa Privacy & Cookies

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

  • 1

  • 2

  • 3

  • 4

 

Art. 1 Costituzione e sede

E' costituita una libera Associazione, con durata illimitata, denominata “LATINA CAMPER CLUB” con sede operativa in Latina (LT), S.P. Segheria 1984,  e potrà istituire sedi secondarie.L’Associazione è apolitica, apartitica, non ha scopo di lucro e può aderire ad altre associazioni secondo le deliberazioni dell’Assemblea.

Art. 2 Scopo e finalità.

  • Favorire e diffondere lo spirito associativo tra coloro che utilizzano veicoli ad uso ricreazionale ed in genere praticano attività di turismo;
  • Favorire lo scambio d'esperienze sia per un migliore utilizzo dei veicoli ricreazionali, sia per scoprire luoghi ed itinerari interessanti;
  • Promuovere forme di collaborazione con istituzioni, quali le Regioni, le Province, i Comuni, le Comunità montane, etc. prevalentemente nell'ambito del turismo e conseguentemente per la difesa dell'ambiente, della protezione civile, etc.;
  • Proporre iniziative atte a sostenere e creare infrastrutture che consentano il rifornimento idrico e lo smaltimento delle acque reflue per i veicoli come previsto dal Codice della Strada;Promuovere la costruzione di aree di sosta, parcheggi e campeggi;
  • Gestire aree di sosta, parcheggi e campeggi;Fornire adeguata assistenza agli associati secondo i mezzi finanziari e tecnici a disposizione;
  • Organizzare incontri, escursioni, viaggi, feste;Procurare, mediante accordi con esercenti e attività commerciali, sconti a favore degli associati sui prezzi dei prodotti e dei servizi venduti o forniti;
  • Favorire i rapporti fra Soci, sviluppare le proposte da loro avanzate, favorire l’organizzazione di incontri nei luoghi di residenza ed invogliare la formazione di gruppi di viaggio, o, promovendo, o gestendo direttamente le iniziative;
  • Promuovere iniziative per la creazione di strutture finalizzate ad ospitare utenti provenienti da altre zone a scopo turistico facilitandone l’informazione in relazione alla possibilità di sosta e di ristoro nella provincia e nella regione.

Art. 3 I soci

L'iscrizione garantisce al Socio il diritto a partecipare alla vita dell'Associazione ed il diritto di voto nell'Assemblea dei Soci.

I soci si distinguono in:

A)    Fondatori: sono quelli che hanno sottoscritto l’atto costitutivo;

B)    Ordinari: sono quelli che sono ammessi all’assemblea dei soci;

C)    Onorari: sono quelli che sono ammessi all’assemblea dei soci ma non godono di nessun diritto all’interno dell’associazione;

D)    Familiari: coniuge o altra persona indicata dal socio ordinario, del quale gode gli stessi diritti.

 

1.      Possono aderire all’Associazione tutti coloro che condividano gli interessi della stessa.

2.      Il numero dei soci è illimitato. Sono ammessi ed acquistano la qualità di socio, tutti coloro che condividono gli scopi istituzionali e gli interessi culturali compatibili con le finalità dell’Associazione.

3.      Possono far parte dell’Associazione, in qualità di soci, solo le persone fisiche che ne facciano richiesta.

4.      Tutti coloro i quali intendono far parte dell’associazione dovranno redigere una domanda su apposito modulo. L’ammissione all’Associazione è deliberata da parte del Consiglio Direttivo con giudizio, sempre motivato. Contro la decisione del Consiglio Direttivo è ammesso l’appello all’Assemblea Generale.

5.      Tutti i soci sono obbligati al versamento della quota associativa annuale e delle quote straordinarie che saranno eventualmente deliberate dall’Assemblea. La quota associativa non può essere trasferita a terzi o rivalutata.

6.      Per divenire soci è necessario essere presentato da altro socio iscritto e sottoporre la domanda al Consiglio Direttivo, compilando lo stampato di richiesta d’iscrizione adeguatamente firmato. Il Consiglio Direttivo si pronuncerà sull’ammissibilità del nuovo socio nella seduta successiva alla data di presentazione della domanda stessa. L’iscrizione all’Associazione comporta la piena osservanza del presente Statuto e degli eventuali regolamenti interni, nonché delle deliberazioni prese dagli organi sociali

7.      La qualità di un associato non è trasmissibile. L’associato può sempre recedere dall’associazione se non ha assunto l’obbligo di farne parte per un tempo determinato. La dichiarazione di recesso deve essere comunicata per iscritto al Consiglio direttivo ed ha effetto con lo scadere dell’anno in corso, purché sia fatta almeno tre mesi prima.

 

I Soci saranno espulsi o radiati qualora:

  • Si rendano morosi del pagamento della tessera sociale, delle quote associative o di quelle straordinarie ,dopo 60 giorni dalla scadenza fissata;
  • Quando non ottemperino alle disposizioni del presente Statuto, ai regolamenti interni o alle deliberazioni prese dagli organi sociali;
  • Quando, in qualunque modo, arrechino danni morali e/o materiali all’associazione;
  • Quando siano accertate situazioni passibili di denuncia all’Autorità Giudiziaria.

·        Le espulsioni e le radiazioni saranno decise dalle Assemblee dei Soci.

·        I soci, che abbiano receduto o siano stati esclusi o che in ogni modo abbiano cessato di appartenere al Club, non hanno alcun diritto sul patrimonio dell’associazione.

8.      La qualità di socio comporta l'accettazione e l'osservanza delle disposizioni di legge in materia di turismo itinerante, delle norme del presente Statuto e delle direttive che sono emanate dagli Organi dell'Associazione;

9.      Tutti i soci in regola con il versamento della quota associativa annuale, hanno diritto di partecipazione alle assemblee sociali nonché dell’elettorato attivo e passivo. La qualifica di socio attribuisce il diritto a frequentare le iniziative indette dal Consiglio direttivo e la sede sociale, secondo le regole stabilite nell’apposito regolamento. é

Art. 4 – Organi Sociali

Gli organi sociali sono:· 

  1. L’Assemblea generale dei soci;
  2. Il Presidente;  Il Vice Presidente
  3. Il Consiglio Direttivo;
  4. I Sindaci Revisori dei Conti 
  5. Il Collegio dei Probiviri;
  6. Il Segretario·  Il Tesoriere

Art. 5 – Assemblee

L’assemblea generale dei soci è il massimo organo deliberativo dell’associazione ed è convocata in sessioni ordinarie e straordinarie. E’ composta da tutti gli aderenti all'Associazione, ivi compresi i soci familiari

 I - ASSEMBLEA ORDINARIA

 L’Assemblea

 Ø      Delibera:

Sugli indirizzi e sulle direttive generali dell’Associazione

Sull’approvazione dei regolamenti sociali,

Per la nomina degli organi direttivi dell’Associazione

Su tutti gli argomenti attinenti alla vita ed ai rapporti dell’Associazione che non rientrino nella competenza dell’Assemblea straordinaria e che siano legittimamente sottoposti al suo esame.

Sugli argomenti all'ordine del giorno;

Sull'eventuale destinazione di utili di gestione e di fondi, riserve o capitale durante la vita dell'Associazione stessa;

Ø      Elegge, con un'unica votazione a scrutinio palese, il Presidente, i membri del Consiglio Direttivo, i Revisori e il Collegio dei Probiviri.

Ø      Stabilisce l'entità della quota associativa per l'anno successivo per proposta del Consiglio Direttivo;

1.      La convocazione dell’Assemblea ordinaria potrà essere richiesta al Consiglio Direttivo o da almeno un terzo degli associati in regola con il pagamento delle quote associative all’atto della richiesta, assemblea di cui propongono l’ordine del giorno. In tal caso, la convocazione è atto dovuto da parte del Consiglio Direttivo.

2.      La convocazione dell’Assemblea ordinaria sarà comunicata agli associati minimo otto giorni prima, a mezzo posta ordinaria, elettronica, fax o avviso telefonico. Nella convocazione dell’Assemblea devono essere indicati il giorno, il luogo e l’ora dell’adunanza e l’elenco delle materie da trattare (ordine del giorno).

3.      L’Assemblea deve essere convocata a cura del consiglio Direttivo, almeno una volta l’anno per l’approvazione del bilancio consuntivo e preventivo, entro il 31 marzo.

4.      Le deliberazioni dell’assemblea, convocata in prima convocazione, sono prese a maggioranza di voti e con la presenza di almeno la metà degli associati. In seconda convocazione la deliberazione è valida qualunque sia il numero degli intervenuti. Ogni socio ha diritto ad un voto e può rappresentare in assemblea, per mezzo di delega scritta, non più di un associato.

5.      Le assemblee sono presiedute dal Presidente o, in caso di sua assenza o impedimento dal Vice Presidente o da una delle persone legittimamente intervenute all’Assemblea e designata dalla maggioranza dei presenti.

6.      L’Assemblea nomina un Segretario e, se necessari, due scrutatori.

7.      Il Presidente dirige e regola le discussioni e stabilisce le norme e l’ordine delle votazioni.

8.      Di ogni assemblea, il segretario dovrà redigere apposito verbale firmato dal Presidente della stessa, dal segretario e, se nominati, da due scrutatori. Copia dello stesso deve essere messo a disposizione di tutti gli associati con le formalità ritenute più idonee dal Consiglio Direttivo a garantire la massima diffusione.

II - ASSEMBLEA STRAORDINARIA

1.      L’Assemblea straordinaria deve essere convocata dal Consiglio Direttivo almeno 15 giorni prima dalla data in cui è richiesta mediante comunicazione agli associati a mezzo posta ordinaria, elettronica, fax o avviso telefonico. L’Assemblea straordinaria può essere convocata tutte le volte che il Consiglio lo reputi necessario o allorché ne faccia richiesta motivata almeno un decimo dei Soci.

2.      L’Assemblea straordinaria in prima convocazione è validamente costituita quando sono presenti due terzi degli associati aventi diritto di voto e delibera con il favorevole della maggioranza dei presenti.

3.      L’Assemblea straordinaria delibera sulle seguenti materie:

·        Approvazione e modificazione dello statuto sociale;

·        Atti e contratti relativi a diritti reali immobiliari

·        Scioglimento dell’associazione e modalità di liquidazione.

·        Deliberare sul trasferimento della sede dell’Associazione;

·        Deliberare su ogni altro argomento di carattere straordinario sottoposto alla sua  approvazione dal consiglio direttivo.

III  VOTAZIONI

Le votazioni, salvo casi particolarissimi e sui quali sarà deciso di volta in volta, avvengono a scrutinio palese.

Per le elezioni delle cariche sociali, come per tutte le votazioni riguardanti persone, si procederà a scrutinio segreto, almeno che non deciso diversamente dal Presidente.

IV CONSIGLIO DIRETTIVO

Il Consiglio Direttivo è composto da dieci membri eletti tra i soci, sette dei quali reperiti tra i soci fondatori, rimane in carica tre anni ed i suoi membri sono rieleggibili. Il Consiglio Direttivo nomina, nel proprio ambito, il Presidente, il Vicepresidente, il Segretario ed il di tesoriere.

Sono compiti del Consiglio Direttivo:

  • Deliberare sulle domande di ammissione dei nuovi soci;
  • Redigere i programmi di attività sociali previste dallo Statuto sulla base delle linee approvate dall’Assemblea dei Soci;
  • Fissare le date delle assemblee ordinarie dei soci da indire almeno una volta l’anno e convocare l’assemblea straordinaria qualora lo reputi necessario o venga chiesto dai soci;
  • Curare l’esecuzione delle deliberazioni dell’Assemblea;Redigere il bilancio consuntivo e preventivo da sottoporre all’assemblea;
  • Redigere gli eventuali regolamenti interni relativi all’attività sociale da sottoporre all’approvazione dell’assemblea degli associati;Adottare provvedimenti di radiazione verso i soci qualora si dovessero rendere necessari;Incentivare la partecipazione dei Soci alle attività sociali.

1.      Il Consiglio Direttivo si riunisce ogni qualvolta il Presidente lo ritenga necessario, oppure qualora ne sia fatta richiesta da almeno un terzo dei suoi componenti, senza alcuna formalità.

2.      Il Consiglio Direttivo è validamente costituito con la presenza della maggioranza dei consiglieri e delibera validamente con il voto favorevole della maggioranza dei presenti.

3.      Le deliberazioni saranno adottate a maggioranza. In caso di parità prevarrà il voto del Presidente. Le deliberazioni del Consiglio per la loro validità, devono risultare da un verbale sottoscritto da chi ne ha presieduto la riunione e dal Segretario. Lo stesso deve essere messo a disposizione di tutti gli associati con le formalità ritenute più idonee dal Consiglio Direttivo atte a garantire la massima diffusione.

4.      Nel caso in cui per qualsiasi ragione, durante il corso dell’esercizio venissero a mancare uno o più consiglieri, sarà nominato il primo non eletto della precedente votazione o mediante nuova convocazione dell’assemblea per eleggere i sostituti che resteranno in carica fino alla data già prestabilita. IL Consiglio direttivo dovrà considerarsi sciolto e non più in carica qualora per dimissioni o per qualsiasi altra causa venga a perdere la maggioranza dei suoi componenti.

5.      Il Consigliere che si assenta ingiustificatamente per tre riunioni consecutive del Consiglio, decade dalla carica. Gli subentra il primo dei non eletti all'ultima elezione del Consiglio. Qualora non si renda disponibile nessuno, il Presidente può reclutare, su indicazione del Consiglio, un Socio in sostituzione.

V  IL PRESIDENTE

1.      Il presidente è eletto dal Consiglio Direttivo, dura in carica tre anni e può essere rieletto.

2.      Il presidente dirige  controlla ed è il legale rappresentante dell’Associazione in ogni evenienza,

3.      Ha la rappresentanza e la firma sociale

4.      Con formale delega scritta, ha la facoltà di assegnare incarichi ed utilizzo di carta intestata ai soci affinché svolgano attività riferibili agli scopi sociali;

5.      In caso di impedimento o di assenza del Presidente, i poteri sono esercitati dal Vicepresidente

 VI IL SEGRETARIO

Il Segretario

Deve occuparsi della parte riguardante il tesseramento

La tenuta del registro dei verbali, il registro dei soci ed il registro del Direttivo

Deve operare in stretta collaborazione con il Presidente

VII IL TESORIERE

·         Il Tesoriere deve predisporre i bilanci preventivi e consuntivi da sottoporre all'approvazione del Consiglio Direttivo, del Collegio dei Revisori e dell'Assemblea dei Soci.

·        Redige il Rendiconto, registrando entrate ed uscite

·        E’ preposto alla riscossione delle quote sociali ed ad effettuare pagamenti in accordo anche verbale con il Presidente e gli esercizi associativi, hanno la durata dal 1 gennaio al 31 dicembre d’ogni anno;

·        E’ delegato alla firma sugli assegni , questa dovrà essere apposta in modo congiunto dal Presidente e dal Tesoriere.

·        Ha cura dei libri  contabili, degli inventari e loro aggiornamenti.

VIII COLLEGIO DEI REVISORI

Al Collegio dei Revisori è affidato il controllo dell'amministrazione dell'Associazione. Esso è composto di tre membri  che rimangono in carica tre anni e possono essere rieletti. I membri nominano il Presidente del Collegio. Per il funzionamento del Collegio valgono le norme del Regolamento e, per quanto da questo non previsto, del Codice Civile sui Sindaci delle Società.

IX  COLLEGIO DEI PROBIVIRI

Il Collegio dei Probiviri dirime e decide le controversie fra i Soci e quelle fra il Consiglio Direttivo ed i Soci, nell'ambito delle attività sociali. Le decisioni del Collegio dei probiviri sono inappellabili. Esso è composto di tre membri che rimangono in carica tre anni e possono essere rieletti. I membri nominano il Presidente del Collegio. Per il funzionamento del Collegio valgono le norme del Regolamento

Tutte le cariche dei membri degli Organi Sociali sono a titolo gratuito e saranno rimborsate le sole spese inerenti all’espletamento dell’incarico. Tutte le spese devono essere preventivamente autorizzate e documentate da apposita delibera del Consiglio Direttivo.

Art.6 

·        Il libro cassa dal Tesoriere

·        Il libro verbale dell’Assemblea dei Soci e del Consiglio Direttivo ,dal segretario

·        Il registro dei soci, dal segretario

Gli incaricati, facenti parte dei Consiglio Direttivo, che non ottemperassero all‘aggiornamento e registrazione di detti libri sono revocati dalla qualifica di componente del Direttivo.

Art.7

Le entrate e il patrimonio dell’Associazione sono costituiti:

dalle quote sociali stabilite annualmente dal Consiglio Direttivo.

da eventuali contributi dei Soci e di terzi che usufruiranno di particolari servizi  e da sponsorizzazione di ditte commerciali.

c.                  dai contributi di Enti Pubblici ed istituzioni private;

d.                 dai proventi di attività e/o manifestazioni.

Art. 8 

L’esercizio finanziario comincia con il primo gennaio e termina il trentuno dicembre di ogni anno. Ogni spesa dovrà essere contenuta nei limiti degli stanziamenti previsti dei Bilancio Preventivo. Eventuali spese non previste dal Bilancio Preventivo, ma decise dal Consiglio Direttivo ,dovranno estere imputate ad uno speciale capitolo alimentato dai proventi delle convenzioni e sponsorizzazioni; nel caso di mancate entrate in detto conto sarà l’assemblea dei Soci a deliberarne le modalità di erogazione.

Art. 9

I Soci hanno l’obbligo di regolarizzare la loro posizione amministrativa con il versamento della quota sociale entro 60 giorni dall’inizio dell’anno solare. Le quote saranno differenziate in base alla qualifica dei soci (fondatori, ordinari, onorari ecc.) La quota di iscrizione per i Soci che si iscriveranno durante l’anno sarà calcolata rata pro tempore per la quota parte variabile e intera per la quota parte fissa.

Art. 10

Ogni 3 anni, durante l’Assemblea ordinaria dei Soci, si procederà alla elezione delle cariche sociali o al loro rinnovo. Il consiglio direttivo uscente predisporrà le norme delle operazioni di voto e di scrutinio. Qualora, in corso di mandato venissero a mancare, per qualsiasi ragione, uno o più eletti alle cariche sociali, questi non saranno sostituiti subito, ma alla prima assemblea dai Soci. I nuovi membri verranno eletti tra i Soci, con votazione palese.

Art. 11   

 Lo scioglimento dell’Associazione potrà essere preposta, provvedendo alla nomina di uno o più liquidatori che destineranno in beneficenza i residui attivi, subordinatamente alla volontà scritta di almeno 4/5 (quattro/quinti) dei Soci aventi diritto al voto, ma deliberato dall’assemblea. Le lettere dovranno pervenire per raccomandata. I Revisori dei conti, in carica al momento delta scioglimento, esercitano le loro funzioni fino al termine dell’operato dei liquidatori.

Art. 12   

 Il Presente statuto potrà essere modificato unicamente con la volontà scritta di almeno 4/5 (quattro/quinti) dei Soci aventi diritto al voto. Le richieste di modifica dovranno essere inviate per raccomandata.

Art.13   

In caso di qualsiasi azione legale verso i membri del consiglio direttivo scaturita per fatti concernenti l’associazione LATINA CAMPER CLUB, le spese necessari per la difesa e quelle legali saranno sostenute dal Latina Camper Club stesso nelle persone dei propri soci.

Art. 14   

Per tutto quanto non previsto del presente statuto si fa riferimento alle norme di legge in vigore per organismi simili, o, in mancanza, alle norme del codice civile.